I Dintorni di Piacenza

Piacenza è il capoluogo di una provincia che ospita oltre 290.000 abitanti su un territorio di quasi 2.600 chilometri, nel quale non mancano di certo numerosi luoghi interessanti da visitare, in particolare se si amano gli antichi paesi che hanno resistito nei secoli mantenendo intatto il loro spirito.

Castell'Arquato, ad esempio, è un suggestivo borgo medievale sviluppatosi ai bordi della collina sulla quale domina l'imponente Rocca Viscontea a pianta quadrangolare che si affaccia su Piazza Alta, dove troviamo anche il Palazzo del Podestà e l'antichissima chiesa della Collegiata.

Castell'Arquato è uno dei borghi più belli d'Italia, splendidamente conservatosi tanto nella piazza monumentale che nel paese ai piedi della collina verdeggiante e profumata dalle viti, senza dimenticare la sua celebre frazione di Vigolo Marchese nella quale ammirare la Chiesa ed il Battistero di San Giovanni.

Molto antico è anche Bobbio, il principale centro della Val Trebbia, l'ampia valle del lungo fiume che nasce dal Monte Prelà in provincia di Genova.

Bobbio è un suggestivo borgo medievale, nel quale possiamo ammirare i resti del quattrocentesco Castello Malaspina e l'Abbazia di San Colombano fondata nel 614 e dal fulgido passato, in particolare nell'Alto Medioevo quando era uno dei maggiori luoghi di culto. Bobbio è un paese incantevole nel quale rivivere la magia dei secoli passati e godersi anche le vacanze invernali, grazie alle sue stazioni sciistiche, e quelle estive sugli argani del fiume.

Ricordiamo, infine, i comuni più popolati della provincia di Piacenza, a cominciare da Fiorenzuola d'Arda, un importante centro agricolo e commerciale con numerose opere d'arte, tra le quali ricordiamo Collegiata di San Lorenzo del 1300 e Palazzo Grossi risalente al secolo successivo. Seguono con quasi 14.000 abitanti Castel San Giovanni, comune piacentino al confine con la Lombardia, e Rottofreno che accoglie oltre 11.000 abitanti nelle fertili terre bagnate dal Po, dal Trebbia e dal Tidone.

 

 

 

Previsioni del Tempo